storia cantieri d'esteLa storia dei Cantieri Navali D’Este inizia nel 1955, quando Gino D’Este trasferisce il suo cantiere dall’arsenale di Venezia a Fiumicino, nella darsena del porto canale. Come Mastro d’ascia porta con sé la sua esperienza nella costruzione di imbarcazioni da lavoro e da diporto in legno, tipiche della laguna veneta.

A Fiumicino invece orienta la produzione verso imbarcazioni a vela, destinate al nascente settore dello yachting, sviluppando il cantiere fino a raggiungere una posizione di prestigio nel panorama della nautica del tempo affiancando D’Este al livello di cantieri come Sangermani e Becconcini.

Ancora oggi solcano i mari imbarcazioni D’Este che hanno fatto la storia della vela italiana come Raggio Verde, Madifra, Suhaili e molte altre ancora. Al successo contribuì anche la collaborazione con molti rinomati architetti navali, fra cui Van de Stadt, Laurent Giles, Arthur Robb.

Dopo la morte di Gino D’Este, nel 1990, il Cantiere passò a un gruppo di imprenditori romani che non volevano far finire il nome glorioso.storia cantieri d'este

La costruzione delle imbarcazioni a vela passò dal legno alla più moderna vetroresina, conservando tuttavia dall’esperienza di Gino per la perfezione del processo costruttivo e la passione per l’innovazione.

Dal 1991 sono sempre state presenti su ogni campo di regata barche realizzate, in materiali all’avanguardia, dai Cantieri D’Este.

Le barche D’Este, sia da regata che classiche, si riconoscono per l’eleganza formale unita alle tecnologie più recenti e per la garanzia di performance in mare a livelli di assoluta eccellenza.

A ulteriore conferma dell’elevata qualità del loro prodotto, i Cantieri D’Este, nel 2013 hanno accolto la richiesta di alcuni produttori di barche a motore.

Questi, consapevoli degli  innegabili vantaggi derivanti da una costruzione ad alta tecnologia, usuale per le nostre imbarcazioni a vela, in termini di, ad esempio, il minor peso, maggiore rigidità e carena più performante, hanno deciso di applicare queste stesse caratteristiche alle barche a motore.storia 5

I Cantieri Navali d’Este si sono, quindi, impegnati  nella realizzazione di una imbarcazione, stavolta a motore di circa 14 mt, che assicuri tali caratteristiche; a tal fine, è stata creata una joint venture con  Morgan Marine, che da anni concepisce, progetta e disegna  barche a motore , al fine appunto di dare all’utente finale un prodotto estremamente performante, accompagnato dal dimezzamento dei costi di gestione. Tale imbarcazione, in avanzata fase di realizzazione, verrà presentata al Salone di Cannes 2014, dopo gli usuali collaudi in mare.